Come comprimere una foto
Programmi & App

Come comprimere una foto: poco peso, stessa qualità

Autore:

Home » Programmi & App » Come comprimere una foto: poco peso, stessa qualità

Condividi l'articolo su:


Seguici sulle pagine ufficiali:



Saper comprimere una foto o un’immagine, è un’operazione molto importante ed estremamente fondamentale, specialmente quando gli spazi di archiviazione in nostro possesso sono minimi. 

Se avete effettuato scatti fotografici che volete tenere nel vostro smartphone ma la vostra memoria è quasi terminata, ridurre il peso delle foto è un ottimo modo per salvaguardare il vostro spazio. 

E poi saper comprimere una foto, si rivela utile anche quando dovete realizzare una presentazione (ad esempio in PDF), oppure se dovete caricare immagini sul web in modo rapido.

Effettuare queste compressioni non è affatto un’operazione complessa e al contrario può essere effettuata da chiunque, senza alcun inconveniente!

In questa guida infatti voglio illustrarti alcuni semplici metodi che ti illustreranno come comprimere una foto o una immagine senza rinunciare alla qualità! 

Naturalmente, i programmi che andrò a mostrati potranno essere utilizzati per comprimere foto sia su Windows sia su macOS!

A fine lettura ti mostrerò anche delle semplici ed efficaci applicazioni per ridurre il peso di una foto, usufruibili da Android e iOS.

Detto ciò, nella speranza di essere il più esaustivo ed utile possibile, direi che possiamo pure iniziare! 

Differenza tra compressione e ridimensionamento

Prima di iniziare ad illustrare come comprimere una foto, volevo parlarvi di una piccola differenziazione di due termini tecnici che molto spesso vengono usati come sinonimo, ma che in verità vanno ad indicare due processi molto differenti: sto parlando della compressione e del ridimensionamento.

Compressione di una foto o immagine 

Con il termine compressione (caso che stiamo analizzando in questo articolo), si indica un processo che va a diminuire il peso di una foto o di una immagine, ma senza che ciò vada ad intaccare la sua dimensione.



Ti sta piacendo l'articolo e lo stai trovando interessante?

Spero di si! Ma prima di continuare con la lettura, se non l'hai già fatto, potresti lasciare un +1 ? Mi faresti molto felice, grazie!




Esempio: se possiedo una foto che presenta una grandezza di 2000 x 950 pixels e un peso totale di 2,5 MB, tramite la compressione la dimensione rimane invariata ma il suo peso cala drasticamente.

Il processo di riduzione del peso non va a diminuire la qualità della foto perché, anche se l’operazione va ad eliminare dei particolari visivi della foto, questi particolari – salvo tramite specifiche operazioni di editing fotografico – non risulteranno visibili ad occhio nudo nel loro complesso.

Osserviamo l’immagine dell’elefante che ho usato come copertina per questo articolo, nonostante io abbia ridotto la dimensione dell’immagine tramite compressione, la dimensione in pixels è rimasta invariata, come invariata è rimasta la sua qualità finale.

 

Come comprimere una foto

 

Ridimensionamento di una foto o immagine

Il ridimensionamento invece, al contrario della compressione, è un procedimento di editing che va a diminuire o ad aumentare il numero di pixels che compongono un’immagine.

Questa operazione si rivela particolarmente utile quando possediamo un’immagine di piccole dimensioni e vogliamo ingrandirla, e viceversa. 

Bisogna sottolineare però che, più basso è il numero di pixels che compongono un’immagine, minore risulterà la sua risoluzione: per questo motivo bisogna sempre porre attenzione durante queste modifiche. 

Se vuoi saperne di più sulla risoluzione di un’immagine, ti consiglio di leggere questa mia guida in cui tratto l’argomento. 

Come comprimere una foto: i migliori programmi

Siamo arrivati alla parte saliente della guida: come comprimere una foto gratuitamente!

Ricordo che tutti i programmi che andrò ad illustrarvi sono gratuiti, sicuri e facili da utilizzare perché ho voluto selezionare solamente i due programmi migliori.

Perché solo due? Semplice! Uno per Windows l’altro per macOS.

Come comprimere una foto con Windows

Caesium

 

Come comprimere una foto

 

Per quanto riguarda Windows, il programma migliore per ridurre il peso delle foto o immagini, è Caesium! 

Si tratta di un programma per la compressione delle immagini gratuito, molto facile da utilizzare, estremamente versatile, supporta i principali formati grafici (PNG, JPEG, BMP) ed è utilizzabile anche per scopi commerciali.

Pur essendo un programma open source, bisogna ammettere che non manca nulla e non è meno performante rispetto a quelli a pagamento.

Supporta una compressione fino al 90% – anche se si consiglia di non superare 70% per non rischiare di abbassare eccessivamente la qualità – ed è possibile scegliere anche il formato di salvataggio a fine compressione (cosa che non tutti i programmi rendono possibile).

Per scaricare Caesium basta collegarsi al sito (clicca qui), selezionare il formato Caesium Image Compressor ed effettuare il download. 

A scaricamento completato, aprite il file zip e installate il programma in esso contenuto.

Fatto ciò, per comprimere una foto non dovete fare altro che seguire questi pochi passaggi: premere il pulsante aggiungi e selezionare la foto o immagine che volete comprimere, scegliete il formato con cui volete salvare l’immagine a fine compressione, impostare dove salvare l’immagine tramite il bottone […], impostare il livello di qualità tramite la barra di regolazione, e per finire, selezionare il comando comprimi. 

A fine compressione della foto o immagine, verrà indicato di quanto è stato ridotto il suo peso.

Un’interfaccia essenziale e semplice rende più facile e veloce l’utilizzo di questo programma. 

Come comprimere una foto con macOS

ImageOptim (h4)

 

Come comprimere una foto

 

Per quanto riguarda macOS invece, vi consiglio ImageOptim.

Si tratta di un programma open source estremamente semplice che può essere utilizzato anche dal meno esperto di informatica perché la sua grafica è facilissima da capire!

Infatti, una volta aperto il programma, vi comparirà una finestra in cui basta trascinare l’immagine o le immagini che volete comprimere ed attendere che il procedimento di elaborazione termini.

Si esatto, tutto qui! C’è da dire che, nonostante il programma risulti molto semplice da utilizzare, il suo lavoro lo sa fare molto bene!

ImageOptim supporta i principali file grafici (PNG, JPEG, GIF).

La principale qualità di questo programma è, oltre alla disarmante facilità d’uso, la sua capacità di ridurre il peso delle foto o immagini fino al 70% senza alcun abbassamento qualitativo!

Infatti ImageOptim utilizza un particolare processo di compressione denominato Lossless che, agendo sulle informazioni gamma del file, non va ad intaccare in alcun modo la sua qualità ma ne diminuisce notevolmente il peso.

Proprio per questo, grazie alla sua estrema facilità d’uso e alla sua ottima lavorazione di compressione, è un programma che mi sento di consigliare! Per scaricarlo, clicca qui.

Comprimere immagini online

Quelli elencati precedentemente sono programmi che ritengo appartenere alla categoria dei migliori nell’ambito della compressione di foto e immagini. 

Non tutti però voglio scaricare sul pc applicazioni/programmi che occupano spazio (magari già minimo), proprio per questo esistono molti tool online che permettono di effettuare lo stesso procedimento senza bisogno di installare nullla.

Naturalmente, per essere utilizzati necessitano di una connessione ad internet, ma possono rivelarsi una soluzione ottimale.

Nonostante tutto, sia per tool online sia per programmi scaricati, vi sono pro e contro.

Se volete sapere come comprimere una foto online e quale sia il tool migliore (a parer mio), vi consiglio:

OptimiZilla

 

Come comprimere una foto

 

OptimiZilla (premi qui per accedervi) è una web app molto potente e facile da usare, spesso la utilizzo anch’io.

Si tratta di un ottimizzatore di immagini online che, tramite particolari algoritmi di compressione, permette di ottenere immagini o foto molto più leggere e con qualità praticamente invariate.

Il programma riduce il peso delle immagini fino al 70% e si rivela ottimale quando bisogna utilizzare immagini per siti web e blog. Inoltre è in grado di leggere i formati PNG e JPEG. 

Il suo funzionamento è molto semplice, basta selezionare il pulsante carica i file, aspettare che la foto o immagine sia caricata e che il procedimento di compressione sia terminato; arrivati a questo punto non vi resta che selezionare semplicemente il pulsante scarica.

A fine di ogni compressione, OptimiZilla vi dirà la percentuale di quanto è stata ottimizzata la vostra immagine. 

Una buona alternativa a OptimiZilla, è  Compressor.io, altro tool gratuito che permette di comprimere in formati JPEG, PNG, GIF e SVG. 

App per comprimere foto

Stai cercando app per comprimere foto tramite il tuo smartphone? 

Fortunatamente, anche in questo caso esistono applicazioni gratuite che permettono di fare ciò in maniera semplice, veloce e performante.

Quelle che ora elenco, sono due applicazioni che ritengo essere le migliori: una per Android e l’altra per iOS.

Photoczip – compress resize (applicazione per comprimere foto con Android).

Foto Compress (applicazione per comprimere foto con iOS).

 


 

Articoli correlati:

 


 

FACCI SAPERE COSA NE PENSI LASCIANDO UN COMMENTO IN FONDO ALLA PAGINA! ⬇️


P.S. : Se l'articolo ti è piaciuto, ricordati di mettere anche un Mi Piace alla nostra pagina Facebook e di lasciare un Segui su quella di Instagram: per me rappresentano un feedback di apprezzamento molto importante! Grazie 😉






Come comprimere una foto: poco peso, stessa qualità ultima modifica: 2018-06-11T07:55:35+00:00 da Federico

Articoli che ti potrebbero interessare:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.